Lingua dell’intimità, lingua della cultura. Intervista a Luciano Cecchinel

di Francesco Davoli In alcuni testi di “Al tràgoljért” – in particolare “Cantar del bòsc” e “Cantar del pra” – si manifesta in pieno ciò che, a proposito della sua poesia, Brevini (“Le parole perdute”, Torino, Einaudi, 1990) ha definito «enumeratio» e «precisione elencatoria»: l’accostamento di frasi perlopiù nominali, di sintagmi fortemente descrittivi che tuttavia […]